10. COSA PREVEDE L'ADP REALMENTE?

 

 

Ad Arese tutti sembrano concentrarsi sull'analisi del centro commerciale e/o sulla (non prevista) tangenzialina all'interno dell'attuale discussione dell'ADP e trascurano incredibilmente ogni considerazione in merito all'intervento complessivo.

Una certa politica locale parla sempre, sempre pronta a protocollare e mandare comunicati stampa ovunque ma non in grado di spiegare mai nulla di concreto ai cittadini.

 

Considerata l'importanza dell'intervento  (e gli effetti per le future generazioni) credo che sia viceversa di vitale interesse presentare l'intervento nel suo complesso per poter permettere ai cittadini di farsi un'idea (favorevole o contraria che sia) di quello che verrà realizzato.

Le aree individuate dall’AdP occupano complessivamente una superficie territoriale di circa 1.670.000 m2 (catastali); esse comprendono zone libere ed inedificate, zone già attuate sulla base  dei precedenti Accordi di Programma ed aree a servizi pubblici già asservite, nonché opere di urbanizzazione in parte realizzate.

Per prima cosa, occorre considerare che all'interno dell'area sono individuate otto distinte aree d'intervento contrassegnate con le lettere  a), b1), b2), c1), d1), d2), d3) ed e)

 Ogni area corrisponde ad una particolare tipologia di intervento edilizio e le trovate indicate nella seguente cartina.

Per comprendere pertanto realmente l'accordo di programma e non limitarsi ad esprimere opinioni campate per aria, (o assistere alle solite celebrazioni di qualche politico locale intento a raccontare quello che non esiste) occorre analizzare cosa è previsto per ogni area dall'attuale ADP..

Area di intervento ambito a)

(industriale esistente - Comune Lainate)

Si tratta di aree sulle quali insiste una superficie utile lorda (s.l.p.) pari a circa mq 51.325, interessata da attività in atto precedentemente insediate.  Nelle aree comprese in tale ambito sono ammessi interventi di manutenzione straordinaria, di risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia,  

Area di intervento ambiti b1/a) e b1/b)

(industriale oggetto di precedenti accordi Comune Arese / Lainate)

Nelle aree comprese in tale ambiti sono ammessi gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, di risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, nonchè gli interventi di nuova costruzione limitatamente all’ambito b1/b per una minima parte. (giusto per far comprendere la situazione: questa area è quella dei famosi oneri di urbanizzazione versati al comune ed oggetto del punto 4 di questa analisi)    

Area di intervento ambiti b2

(Autosilo - EXPO e successiva modifica urbanistica. Comune Arese)

Questa è la zona adibita a vecchio autosilo e deposito auto, costituita da due edifici,uno composto da 6 piani fuori terra ed uno mono-piano; entrambi sono adibiti a funzioni legate all’industria dell’auto e servizi annessi. I piazzali esterni sono invece adibiti ad aree di sosta a servizio della stessa attività. L’intervento ha l’obiettivo di mantenere gli edifici esistenti destinandoli a funzioni produttive di beni e servizi.

In questa zona sono ammessi: Destinazione principale: attività produttiva, industriale ed artigianale diretta alla produzione di beni ed alla prestazione di servizi. Destinazione complementare: attività terziario-direzionali di servizio alle imprese e attrezzature e spazi a servizio della produzione (max 35% della slp).

nell'area b2 potrebbero essere realizzati  i parcheggi remoti Expo, in particolare sulle aree pertinenziali degli edifici (circa 55.000 mq), da utilizzarsi, durante il periodo della manifestazione. La richiesta dovrà pervenire entro il 31/12/2013.

Successivamente alla manifestazione sarà possibile la trasformazione dell’area, che potrà prevedere il cambio delle destinazioni d’uso ammesse e complementari verso altre funzioni, ad esclusione di quella residenziale. Cosa poter costruire verrà definito contestualmente alla eventuale definizione delle modalità d’uso e gestione delle aree a parcheggio per il periodo della manifestazione Expo.

Area di intervento ambito c1)

(a parte c1/d ed una prozione di C1/b che insiste su Lainate  tutto su Arese)

L’area è suddivisa in quattro diverse zone funzionali (sub ambiti) specificamente individuate con c1/a, c1/b, c1/c, c1/d:

c1/a) RESIDENZIALE

(tutta sul comune di Arese)

La zona è localizzata a nord est del comparto, costituita da una presenza di capannoni industriali nei quali si svolgeva l’attività di produzione di autoveicoli, lavorazioni meccaniche di carrozzeria, fonderia e trattamenti termici. tramite adp si mira alla creazione di un nuovo insediamento prevalentemente residenziale, per una slp pari a mq. 68.500, caratterizzato da tipologie edificatorie di altezza medio-bassa .

In questa zona sono ammessi: Destinazione principale: residenziale

Destinazione complementare max 10% della Slp (di cui max 30% funzione commerciale di vicinato): ricettivo-alberghiero, attività commerciali di vicinato.

Tutta la superficie residenziale è ubicata unicamente sul territorio del comune di Arese. Di riflesso tutti i futuri cittadini chiederanno servizi unicamente al Comune di Arese sul quale graverà la spesa.

In corrispondenza con l'intervento residenziale su Arese si segnala la previsione di Garbagnate di realizzare per la parte di suo interesse (vicina a quella d'intervento su Arese) una grande zona residenziale. 

Composta dall'intervento di Via Valera (garbagnate)

Villoresi Sud (prima del villoresi)

Villoresi Ovest (oltre al villoresi)

 gli abitanti previsti in queste tre aree di Garbagnate sono:

196 abitanti per Via Valera   (slp 9781 mq)

700 abitanti per Villoresi sud (slp 35.000 mq)

331 abitanti per Villoresi Ovest (slp 16.573 mq)

 

c1/b) CENTRO COMMERCIALE

 (Gran parte sul comune di Arese)

La zona è localizzata nella porzione centrale dell’ambito di trasformazione complessivo e qui è previsto il grande centro commerciale.   Nello stesso ambito di intervento sarà prevista la creazione di insediamenti di carattere terziario di servizio e artigianato di servizio

In questa zona è ammessa: Destinazioni d’uso principali: attività commerciali per l'insediamento di una o più grandi strutture di vendita, anche nella forma unitaria del centro commerciale e/o del parco commerciale, terziario di servizio e artigianato di servizio.

slp mq. 77.000 a destinazione commerciale (ammessa la Grande Struttura di Vendita);

slp mq. 15.000 a destinazione terziario-artigianale di servizio;

totale: 92.000 mq di slp.

c1/c) ATTIVITA' DIREZIONALI - TERZIARIE - SERVIZIO

 (tutta sul Comune di Arese)

Zona localizzata nella porzione nord costituita attualmente da un edificio pluripiano nel quale era collocata la mensa gli spogliatoi oltre che parte degli uffici. In tale zona è ammessa:Destinazione principale: attività direzionali – terziarie, attività artigianali, attività di servizio alle persone e alle imprese.

Destinazioni complementari max 25% della Slp (di cui max 30% funzione commerciale di vicinato): attività di formazione e istruzione superiore e/o universitaria, centro di ricerca e sviluppo, attività commerciali di vicinato, spazi espositivi, pubblici esercizi e ristorazione.

c1/d) PISTA PROVE

 (tutta sul Comune di Lainate)

Tale zona riguarda la ex pista prove.   l'Adp propone di mantenere la pista connettendola funzionalmente all’attività del settore auto, ed introducendo attività didattiche, ricreative, ludiche ed espositive.

In tale zona è ammessa:

Destinazione principale: attività didattiche, ludico-ricreativa, espositiva, autofficine, depositi, comunque strettamente connessi al recupero funzionale della pista.  Destinazioni complementari ed accessorie (max 30%): Attività commerciali limitatamente agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande

Aree di intervento ambiti d1), d2) e d3)

d1) Centro Tecnico Amministrativo

 (tutta sul Comune di Arese)

L’ambito d1 comprende l’edificio denominato Centro Tecnico. In questo edificio trovano sede attività che risultano insediate già da tempo e che sono dedicate a supporto delle attività industriali del Gruppo Fiat.  Nell’ambito dell'adp il Centro Tecnico manterrà le funzioni a supporto delle attività industriali del Gruppo Fiat

d2) Centrale Termica

(tutta sul Comune di Lainate)

L’area è interessata dalla presenza della centrale termica a servizio dell’intero stabilimento con possibili sviluppi anche verso l’esterno in accordo con le Amministrazioni Comunali. In tale zona è ammessa: Destinazione principale: produttivo – impianti tecnologici

Destinazione complementari ed accessorie: uffici e attrezzature a servizio dell’attività produttiva fino a mq 2.020.

d3) TRATTAMENTO ACQUE

 (tutta sul Comune di Arese)

Area posta a sud, a ridosso della autostrada A8, è interessata dalla presenza di impianti per il trattamento delle acque reflue dell’intera area che costituiva lo stabilimento Alfa romeo, con possibili sviluppi anche verso l’esterno in accordo con le Amministrazioni Comunali.

In tale zona è ammessa: Destinazione principale: produttivo – impianti tecnologici Destinazione complementari ed accessorie: uffici e attrezzature a servizio dell’attività produttiva fino a mq 2.000.

Area di intervento ambito e)

 (tutta sul Comune di Lainate)

Area posta a ridosso del Museo Alfa Romeo, attualmente utilizzata come pertinenza degli edifici Fiat-Museo Alfa Romeo.  In tale zona è ammessa:

Destinazione principale: attività per la produzione, la conservazione, la trasformazione e la movimentazione di beni e manufatti in genere.

******

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------

INTRODUZIONE

1. COSA E' UN ADP?

2. E' VERO CHE IL VECCHIO ADP BOCCIATO NELL'OTTOBRE 2010 DA RHO E VICEVERSA APPROVATO DA ARESE E LAINATE COSTRINGE OGGI A DIRE DI SI AL NUOVO ACCORDO DI PROGRAMMA?

3. ERA UTILE REVOCARE IL FAMOSO DOCUMENTO SOTTOSCRITTO DAL COMMISSARIO CHIODI CON IL COMUNE DI LAINATE ?

4. SI SOSTIENE CHE IN CASO DI MANCATA APPROVAZIONE DEL NUOVO ADP IL COMUNE DI ARESE DOVRA' RESTITUIRE ONERI DI URBANIZZAZIONE PER 3 MILIONI DI EURO. E QUESTO, PER COLPA DEI SINDACI CHE HANNO VOLUTO INCAUTAMENTE INCASSARE IN ANTICIPO TALI ONERI... E' VERO? 

5. DEVE QUINDI ESSERE FIRMATO PER FORZA IL NUOVO ACCORDO DI PROGRAMMA PER EVITARE DI RESTITUIRE 3 MILIONI DI EURO ALLA PROPRIETA'?

6. LO SCHEMA DI CONVENZIONE DEL PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE (DOCUMENTO B.01) DELL'APRILE 2012, A COSA SERVONO LE ELEZIONI?

7. LA "TANGENZIALINA" E' PREVISTA NEL NUOVO ADP COME SOSTENGONO ALCUNI PARTITI LOCALI ED ALCUNE ASSOCIAZIONI LOCALI?

8. LA "MODIFICA DELLO STATUTO COMUNALE PER PERMETTERE REFERENDA IN TEMI URBANISTICI" TANGENZIALINA" 

9. LA DELIBERA 4318 del 26/10/2012

10 COSA PREVEDERE REALMENTE l'ADP?

11 ORA PARLIAMO DEL CENTRO COMMERCIALE

12 IL PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE REGIONALE DEL 07/11/2012

13 LE DELIBERE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DI MILANO

14 ED ORA... COSA SUCCEDE?

15 L'IMPORTANZA DEL COMMERCIO DI VICINATO

16 LICENZA COMMERCIALE

17. LA LETTERA DEI COMUNI AL MINISTERO

18. ED ORA .... LA GIUNTA REGIONALE, POI I COMUNI DI ARESE E LAINATE

19 COSA PREVEDE IL TESTO DELL'ADP APPROVATO IN REGIONE ED ORA AL VAGLIO DEI COMUNI DI ARESE E LAINATE PER LA VARIANTE URBANISTICA?